Djembrush

Written by Francis P. Pellizzari. Posted in Paper2Media, Tutorial

Come indica il nome, Djembrush significa djembè suonato con una mano nuda sulla pelle mentre l’altra impugna una spazzola, con l’obiettivo di ottenere il suono della batteria e delle percussioni da un solo strumento. Il metodo è applicabile preferibilmente su strumenti che montino pelli sintetiche.
A differenza del metodo tradizionale che utilizza tre colpi (medio, grave e slap), Djembrush ne utilizza ben 14 (vedi sul numero di maggio 2012 di Drumset Mag la Legenda colpi) più due effetti. 11 colpi sono ottenuti con la mano destra che suona sulla pelle e tre con la spazzola impugnata dalla mano sinistra.
Va deciso inizialmente con quale mano suonare la spazzola, che servirà per lo più per suonare ciò che nella batteria viene eseguito dall’hi hat e dal rullante, ovvero degli ostinato e dei pattern che solitamente vengono suonati dagli shaker. L’altra mano eseguirà invece tutti i colpi che suona una cassa più i pattern di congas e/o bongos utilizzando le dita e il palmo della mano libera. Nel video che accompagna questo articolo è possibile vedere come interagiscono le due mani per creare differenti grooves, oltre alle diverse tecniche applicabili.

Adios a Luis Abreu

Written by Gian Franco Grilli. Posted in Musicians, News & Events

Lo scorso 17 aprile è scomparso all’Avana all’età di 73 anni il percussionista- cantante Luis Abreu Hernández, uno dei quattro fratelli che nel 1963 fondarono Los Papines, il gruppo cubano di voci e percussioni più famoso al mondo, che tra l’altro condivise la scena con le orchestre di Mongo Santamaría, Ray Barretto, Tito Puente e altre big band nordamericane.

Anche Luis come gli altri suoi fratelli aderiva alla società segreta Abakuá, una sorta di associazione di mutuo soccorso molto rispettata a Cuba e di cui era simpatizzante anche Chano Pozo, il quale come rumbero andava spesso al barrio habanero Los Pocitos, dove sono cresciuti i quattri piccoli percussionisti. Los Papines nel 1977 andarono a suonare New York, e sono infatti ricordati anche come i primi artisti cubani a rompere l’embargo musicale degli Stati Uniti verso l’isola caraibica.

La foto di questo articolo è stata scattata nel 2010, l’ultima volta che chi scrive ha incontrato il gruppo. Ora, dopo la scomparsa di Alfredo, Ricardo e Luis, dei quattro storici fratelli rumberi resta in vita solo Jesús, direttore della formazione, che continua l’attività con l’inserimento di alcuni artisti sempre della stirpe Abreu.

 

Alfredo Golino, Clinics & Session Drumming

Written by Alfredo Romeo. Posted in Musicians, News & Events

Uno dei migliori batteristi italiani sarà impegnato a maggio in una serie di incontri didattici in giro per la Penisola. Domenica 6 maggio Drumsportal.com organizza un incontro che si terrà presso il Black Rose in via delle Scienze 2 a Rieti, con inizio alle 16, durante il quale si parlerà di: assolo di batteria; esecuzione di brani nei vari stili (pop, funk, fusion);  preparazione all’attività live e allo studio di registrazione; didattica (quali metodi utilizzare e come utilizzarli); suono (accordatura, pelli, ecc.). La durata sarà di tre ore circa e l’ingresso è di 15 euro. Info e prenotazioni: info@drumsportal.com; www.drumsportal.com. Tel. 338 2835211 (Yuri).

Il giorno seguente Alfredo Golino sarà protagonista del primo appuntamento di un nuovo corso di studi, Session Drumming, organizzato e presentato da Batteria Drumming School di Roma: una serie di appuntamenti periodici con i maggiori esponenti del session drumming internazionale. Non una semplice demo, ma un’approfondita lezione di cinque ore a numero chiuso (massimo 15 allievi), tenuta presso lo studio di registrazione professionale Hemiola di Roma (www.hemiola.it). Una lezione incentrata sul rapporto del batterista con le figure tipiche di una seduta di registrazione (fonico, produttore e artista). L’esperienza sarà arricchita dall’opportunità di mettere in pratica gli insegnamenti su di un set microfonato a regola d’arte. Appuntamento il 7 maggio dalle 15 alle 20. La prenotazione è obbligatoria. Info e prenotazioni: 06.51.92.238; info@batteriaschool.com.

Paiste – Il Piatto Più Grande Del Mondo

Written by BOB Baruffaldi. Posted in News & Events

Diciotto anni dopo la cerimonia di apertura del tunnel che collega la Francia con l’Inghilterra, il piatto da guinness dei primati realizzato dalla Paiste, è riapparso nelle strade di Liverpool. Questo particolarissimo piatto è largo 2.20 metri e pesa ben 115 chili (è abbastanza heavy?), ed è stato realizzato in 1200 ore di lavoro usando la stessa lega (Nickel Silver NS12) con cui la Paiste produce i propri Gong. Intorno a questo evento c’è una leggenda che racconta di un palombaro gigante morto durante l’affondamento del Titanic che ha scritto una lettera alla sua giovane figlia che purtroppo è andata persa nel disastro. Il fratello del palomabro gigante ha trascorso 100 anni alla ricerca del Titanic e ha trovato non solo la nave ma anche la lettera in questione. Una vola tornato a Liverpool ha iniziato la ricerca della nipote. Per annunciare il suo arrivo dopo 100 anni ha usato il piatto gigante.

Premier Vintage Series

Written by BOB Baruffaldi. Posted in Factory News, Tools

La Premier Vintage Series è stata realizzata per ricreare il sound tipico del passato. La nuovissima teconlogia della casa inglese dà origine a un fusto molto sottile, privo di cerchi di rinforzo su entrambe le superfici. Questo fa sì che il suono sia caldo e profondo ma con una relativa presenza degli armonici. Il fusto, realizzato a mano in Inghilterra, è da 14″x6″ e ha uno spessore di 5 millimetri, per un totale di 6 strati di betulla, con due ulteriori strati (uno esterno e uno interno) in mogano. I bordi sono tagliati a 45 gradi, e quello superiore ha una forma arrotondata, mentre quello inferiore, sempre a 45 gradi, ospita il bed per la cordiera che ha una profondità di 2.5 millimetri. La finitura esterna è satinata, mentre le pareti interne del fusto sono protette con una satinatura a olio. I cerchi sono a tripla flangia e hanno uno spessore da 2.3 millimetri, mentre i blocchetti tube lugs sono dorati. La macchinetta che gestisce la cordiera è la 0610 Quick Release.

Festival Frame Drums Italia 2012

Written by Redazione Drumset Mag. Posted in News & Events

Frame Drums Italia è un Festival Internazionale ideato con l’obiettivo di fornire ai partecipanti un’ampia visuale sullo studio e la pratica dei tamburi a cornice in rapporto sia ai linguaggi musicali tradizionali che a quelli moderni. Oltre a ciò vengono presentate anche alcune attività di altissimo interesse per il performer o il didatta che voglia allargare i propri orizzonti, ovvero l’utilizzo scenico del tamburo nel teatro e la musicoterapia. Tutto questo avrà luogo dal 13 al 17 Giugno 2012 nella splendida cornice della campagna marchigiana, e più precisamente nel suggestivo paese medievale di Montelparo, sede dell’ex monastero che ospiterà come tradizione l’evento. L’edizione 2012 del Festival è pensata per offrire un percorso di studi ancora più organico e articolato delle precedenti, a cura di un affiatato team di docenti. I diversi linguaggi ed applicazioni dei tamburi a cornice verranno trattati con spirito multidisciplinare e comparativo.

NB: è  possibile iscriversi ai corsi anche solo per il fine settimana: sarà sufficiente specificare la cosa nel form di iscrizione presente sul sito http://www.framedrumsitalia.it/

 

Peppe Frana - introduzione alla musica modale

Andrea Piccioni - tamburello

Aleix Tobias Sabater - Iberic percussion

Ahead Rolling Hardware Armor Cases

Written by BOB Baruffaldi. Posted in Factory News, Tools

La Ahead espande progressivamente la serie di custodie denominata Hardware Sleds, e lo fa con i due nuovi modelli da 48″ e 28″, che vanno ad affiancarsi al già esistente modello da 38″. Queste due nuove versioni vengono definite super-deluxe, e hanno due anni di garanzia. Utilizzano la piattaforma rotante aircraft-standard OGIO che può sopportare fino a 135 chili di hardware e accessori. Il modello più compatto da 28″ è equipaggiato con delle rotelle molto resistenti, capaci di sopportare fino a 90 chili di peso. Tutte le custodie Armor Hardware Cases offrono inoltre la durata e la qualità delle impugnature realizzate in poliestere ad alta densità.

Spaun – TL USA/TL II Series

Written by BOB Baruffaldi. Posted in Factory News, Tools

L’americana Spaun ha presentato i drumset TL USA Series, e i più recenti TL II Series. I fusti della TL Series sono realizzati con otto strati di acero, e hanno i bordi tagliati a 45 gradi in tutti e due le direzioni. La sospensione dei tom è affidata al sistema SSS, mentre i cerchi sono del tipo Die-Cast. Molte delle caratteristiche sono condivise con la serie Custom Shop, come le pelli Evans in dotazione su tutti i tamburi. Limitando le finiture e le misure a disposizione è stato possibile rendere il prezzo accessibile a tutti. La TL II Series ha i fusti in acero del Nord America, realizzati con sette strati, per uno spessore di 5.9 millimetri (casse e rullanti), e sei strati e lo spessore di 4.8 millimetri per i tom. I bordi sono i Double 45 Degree Bearing Edge, e molte delle caratteristiche vengono condivise con la serie TL.

Alex Acuña & BOMAP

Written by Alfredo Romeo. Posted in Musicians, News & Events

La BOMAP di Bologna, importatrice per l’Italia del marchio di percussioni Gon Bops, presenta due clinic didattiche di batteria e percussioni con il maestro Alex Acuña, musicista del quale si ricordano, tra le tante, le collaborazioni con i Weather Report ai tempi di Heavy Weather, con Paul McCartney e Chick Corea.
Il primo appuntamento didattico si terrà il 2 maggio presso Musicbeat di Salerno (per info: 089.6307064). La seconda clinic, il 3 maggio, è invece organizzata da BOMAP e Jolly Music Store in collaborazione con le sedi di Milano, Brescia e Mantova della neonata European Music Academy (EMA) a Curtatone (MN) presso il locale Biergarten. Si prega di prenotare entro il 2 maggio mandando una mail a info@sonummusicschool.com. Il prezzo del biglietto è di 35€.

Brady Drums Walkabout Series

Written by BOB Baruffaldi. Posted in Factory News, Tools

La Walkabout Series è il progetto personale di Chris Brady, il fondatore della Brady Drum Company. Chris ha viaggiato personalmente nei più remoti deserti e nelle foreste dell’Australia per selezionare a mano delle piccole quantità di rare essenze indigene. Tutti i fusti sono realizzati a mano e sono in edizione limitata. Sono delle assolute rarità ed esemplari unici. Le ultime novità annunciate in tema di rullanti sono: Karijini Finish (prodotto in soli due esemplari), Australian Cedar Wattle, (Acacia Elata) Block, prodotto in soli dieci esemplari, e il Brown Mallett (Eucalyptus Astringens) Ply, disponibile in soli due esemplari.

Karijini Finish Snare Drums

AUSTRALIAN CEDAR WATTLE (Acacia Elata) BLOCK SNARE DRUMS

BROWN MALLET (Eucalyptus Astringens) PLY SNARE DRUMS

Nella pagina successiva di questo articolo si possono ammirare i video e i sample audio relativi ad alcuni dei rullanti appena illustrati. Premi il pulsante Continue Reading per accedere ai video.

Simmons Museum

Written by BOB Baruffaldi. Posted in Factory News, Tools

Wolfgang Stoelzle è il nome di un collezionista, restauratore ed entusiasta del marchio Simmons che ha creato un sito dedicato proprio alle ormai mitiche Simmons Electronic Drums. L’archivio include una larga serie di documenti, immagini, file audio, video e molti altri elementi del periodo d’oro delle celebri batterie elettroniche con i pad esagonali (SDSV) che più di 30 anni fa hanno cambiato le regole aprendo le porte al drumming elettronico. Wolfgang ha una collezione personale di 25 kit Simmons completi, inclusi più di 150 pad e 25 moduli elettronici di gestione. L’intenzione è quella di documentare la storia della Simmons e l’importanza che ha avuto sulla successiva evoluzione elettronica. Negli anni 80 questo marchio ha gettato le basi dell’esplosione delle batterie elettroniche e di tutto il movimento che ne è poi scaturito. L’innovazione aveva i nomi di SDSV, Suitcase Kit, SDS7, SDS9, SDS1, SDSX E Silicon Mallet. Tutto ora rivive nel Simmons Museum.

www.simmonsmuseum.com

Ahead Double Dipper

Written by BOB Baruffaldi. Posted in Factory News, Tools

A partire dal mese di maggio 2012 tutte le confezioni di bacchette Ahead includeranno un paio di rivestimenti esterni intercambiabili senza alcun aumento di prezzo. Ogni paio di bacchette Ahead viene realizzato con alluminio usato nell’industria aerospaziale. Il rivestimento è in poliuretano e ha una durata sei volte maggiore rispetto al legno. Le confenzioni marcate Double Dipper raddoppiano la durata e il valore di ogni paio di bacchette con la sola sostituzione del rivestimento esterno. Disponibili per tutti i modelli standard, extended, hybrid e artist signature.

 

Rush – Il Nuovo Singolo

Written by BOB Baruffaldi. Posted in Musicians

Si chiama Headlong Flight, ed è il primo singolo dei Rush tratto dal nuovo Clockwork Angel, il ventesimo CD della lunghissima carriera della band canadese, previsto in uscita per il 12 giugno. Il brano è nato come traccia strumentale da una jam avvenuta nello studio di Geddy Lee, in una pausa del Time Machine Tour. Il titolo originale era Take That Lampshade Off Yo Head!, e solo in seguito Neil Peart ha aggiunto il testo relativo cambiando anche il titolo. L’atmosfera è abbastanza heavy e riporta alla mente gli album degli anni novanta come Counterparts. Clockwork Angel è prodotto da Nick Raskulinecz (Foo Fighters, Deftones), che aveva già lavorato insieme alla band canadese per Snake & Arrows (2007). Non ci resta che ascoltare e… aspettare.

Headlong Flight – Official Lyric Video

Goodbye Levon Helm

Written by BOB Baruffaldi. Posted in Musicians

Il mondo del rock n roll ha perso un altro dei suoi grandi interpreti. Levon Helm, storico batterista della formazione The Band, è morto il 19 Aprile all’età di 71 anni dopo una lunga battaglia (iniziata nel 1998) combattuta contro un male incurabile. Proprio nello scorso weekend, The Band è stata inserita nella Rock And Roll Hall Of Fame, ma Levon non ha potuto partecipare alla cerimonia per le sue condizioni di salute molto critiche. Helm aveva preso parte alla storica edizione del festival di Woodstock, ha venduto milioni di dischi ma è morto quasi in povertà. Polistrumentista, Levon Helm cantava anche numerosi brani del repertorio di The Band e aveva avuto anche una carriera come attore partecipando a numerosi film e telefilm. Levon ha inoltre pubblicato diversi lavori come solista, vincendo anche un Grammy nel 2008 come miglior album di folk tradizionale per il suo CD Dirt Farmer, a testimonianza del suo talento e delle sue incredibili capacità artistiche. Levon Helm era anche noto per possedere un bellissimo studio di registrazione, che è possibile ammirare in molti dvd, tra i quali, per esempio,  Groove Alchemy di Stanton Moore; uno studio che ha ospitato innumerevoli registrazioni di molti grandi artisti. Goodbye Levon… Rest in Peace…

Late Show with David Letterman on 7/9/09

Life Is A Carnival

TOCA ORIGINS SERIES DJEMBE

Written by Antonio Gentile. Posted in Factory News

La Toca Percussion, azienda del gruppo Kaman, presenta i nuovi djembé della serie Origins. Si tratta di strumenti costruiti secondo la tradizione africana, con sistema di tensione della pelle a corde intrecciate. I fusti sono realizzati da un solo pezzo di mogano lavorato prima a mano e poi al tornio, in modo da assicurare un uniforme spessore del fusto. All’interno la superficie del fusto è lavorata, sempre al tornio, con rigature e incisioni appositamente studiati per controllare gli overtones indesiderati. Anche il bordo del tamburo è lavorato a mano secondo specifiche tecniche determinate dalla casa. Le pelli sono di capra e le corde di nylon ad alta resistenza. Le misure disponibili sono: 12” x 7”, 16” x 8”, 20” x 10” and 24” x 12”. Le incisioni decorative sul legno sono disponibili in due versioni: african Mask e celtic knot.

Workshop di percussioni sul samba enredo carioca

Written by Redazione Drumset Mag. Posted in News & Events

Per tutti i sambisti  sabato 12 e domenica 13 maggio 2012 si terrà a Bologna un workshop di percussioni sul samba enredo carioca con Serrinha Raiz e Chris Quade.

Si tratta di un seminario con due veri maestri del samba, per approfondire le tecniche, il linguaggio e gli arrangiamenti propri dello stile che accompagna il carnevale di Rio. Due musicisti di grande talento, con alle spalle una lunga carriera da ritmistas e diretores di scuole come Unidos da Tijuca (campione del carnevale 2012!) e Estacio de Sa‘ (la prima scuola di samba del mondo!), oltre a numerosi blocos carnevaleschi di Rio de Janeiro e non solo (tra cui l’ormai famosissimo Bloco X, che riunisce i migliori sambisti d’Europa!), e una solida esperienza di insegnamento formata in anni di tour didattici in tutta Europa.

Il seminario – pensato per percussionisti di livello intermedio/avanzato – affronterà in maniera approfondita e specifica le tecniche di caixa (suonata prevalentemente “em cima”, alla maniera carioca), tamborim (carreteiro 3×1 e 2×1, telecoteco, etc.), repique (chiamate, levadas e variazioni), surdos de terceira (viradas, subidas, etc.), oltre che arrangiamenti, paradinhas, segnali e convenzioni tipiche del samba enredo.

Durante il workshop sarà allestito un samba enredo – con disegni di tamborim e surdi di 3°, paradinhas, viradas – che, nel pomeriggio di domenica, sarà accompagnato ao vivo da voce, cavaquinho e chitarra!!

ORARI:
– Sabato dalle 11.30 alle 13.30 e dalle 15.00 alle 18.00
– Domenica dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 17.30

** SABATO SERA FESTA PER I PARTECIPANTI AL WORKSHOP!! **
– Concerto brasileiro con il trio di Patricia De Assis, Steve Girotti e Marco Catinaccio
– Palco aperto ai gruppi che hanno voglia di esibirsi, per condividere con gli altri ritmisti il proprio “suingue”
– Jam!

Possibilità di pernottare nelle vicinanze del workshop a prezzi modici (ostello, campeggio con tende o bungalow, b&b), o in una sala tipo palestra portandosi materassino e sacco a pelo!

COSTO: due giorni di workshop con due insegnanti + festa con concerto = 50 euro.

Per informazioni e iscrizioni: sambabologna@gmail.com
Silvia Baraldi 347.61.90.832
Chiara Bonaveri 329.23.96.347
Marco Catinaccio 339.177.01.59

 

 

Goodbye Jim Marshall

Written by BOB Baruffaldi. Posted in News & Events

Lo scorso 5 Aprile, all’età di 88 anni ci ha lasciati Jim Marshall, lo storico inventore degli omonimi amplificatori per chitarra usati dai più grandi chitarristi della scena internazionale. Ma forse non tutti sanno che Jim, detto The Fater Of Loud, è stato anche cantante e batterista, ed è stato l’insegnante di batteristi del calibro di Mitch Mitchell, Micky Waller e Mick Underwood. Insegnava tenendo una media di 65 studenti a settimana, ed è propio in questo modo che è riuscito a mettere da parte i soldi necessari per dare il via al suo business che lo ha reso così celebre. La sua ultima avventura è infatti rappresentata dalla nascita del marchio Natal, un nuovo produttore di drumset apparso da pochi mesi sul mercato internazionale, che testimonia la sua grande e mai tramontata passione per il mondo della batteria.

TRX Removable Cymbal Rivets

Written by BOB Baruffaldi. Posted in Factory News, Tools

La TRX Cymbals ha presentato i nuovi Removable Rivets. Questi piccoli accessori sono disponibli in ottone e in alluminio naturale o rifinito in colore nero, e sono stati disegnati per fornire ai batteristi un metodo veloce ed effettivo per personalizzare il suono dei proprio piatti. Sono intercambiabili e possono essere rimossi in qualsiasi momento; creano un effetto trashy e prolungano il sustain di qualsiasi piatto, e possono essere usati in svariate situazioni musicali. Per aggiungere un’ulteriore variazione sonora i Removable Rivets possono essere usati insieme ai TRX Jingles. www.trxcymbals.com

 

Greetings From The Masters

Written by Redazione Drumset Mag. Posted in News & Events

Alcuni tra i più grandi nomi della scena internazionale della batteria e delle percussioni hanno voluto salutare la nascita di Drumset Mag a modo loro, con un saluto personale raccolto tra i corridoi e gli stand della recente edizione del Musikmesse di Francoforte. Un piccolo flashback ci permette di gustarceli in pieno…

Dom Famularo

Jojo Mayer

Horacio El Negro Hernandez

Pete Lockett

Giuseppe Girolamo: il miglior batterista italiano

Written by Mario A. Riggio. Posted in Musicians, News & Events

La notizia ufficiale ha spezzato l’ultimo tenue filo di speranza. Il riconoscimento del cadavere di Giuseppe Girolamo, il batterista pugliese scomparso nel naufragio della Costa Concordia, porta alla luce la sua storia, terminata con un gesto di generosità estrema.

Giuseppe, classe 1981, di Alberobello, diplomato bassista al conservatorio con la passione per la batteria. Come musicista fa l’inevitabile gavetta, locali, serate e un certo successo con una cover band degli Afterhours. Il 4 dicembre 2011 arriva la svolta, viene chiamato nell’orchestra della grande nave da crociera per uno dei suoi primi incarichi da batterista professionista.

Al momento dell’incidente sta suonando nella sala ristorante, dopo lo schianto si porta insieme ai compagni sul ponte 3 dove, dopo quasi un’ora, iniziano le procedure di evacuazione. Giuseppe, che non sa nuotare, al momento di imbarcarsi sulla scialuppa di salvataggio lascia il suo posto a un bambino che si trova da solo sul ponte della nave. Lo vedono per l’ultima volta sul ponte 4, con un giubbotto salvagente.

La sua storia è un esempio per tutti. “Dovete raccontare di questo ragazzo” ci sprona Tullio De Piscopo. Persino i Dream Theater lo ricordano al concerto di Milano: il cantante James LaBrie gli dedica la canzone “The Spirit Carries On” dicendo: “Un grandissimo fan dei Dream Theater, un Italian Dreamer. Era il batterista della band della nave da crociera. Questo ragazzo ha compiuto il sacrificio estremo: era già sulla scialuppa di salvataggio, ma è sceso per far posto a un bambino salvandogli la vita. E non si è fermato lì, è tornato dentro la nave per cercare di salvare altre persone. Vogliamo ricordare questo ragazzo, Giuseppe, e vogliamo che la prossima canzone lo raggiunga, spero che tu la possa sentire, perché hai compiuto un enorme atto di coraggio”.

Ai suoi famigliari, alla fidanzata, agli amici e ai colleghi che lo hanno disperatamente cercato lanciando messaggi ovunque, va il cordoglio e la solidarietà di Drumset Mag.

Satomì, questo è il soprannome di Giuseppe Girolamo, se n’è andato il 13 gennaio con un atto di ordinario eroismo e straordinaria generosità. Con lui, ne siamo certi, abbiamo perso il miglior batterista italiano.

ga('send', 'pageview');